venerdì 28 luglio 2017

Delle Cronache di Villa Arzilla 20



Nonostante le precarie   Proprio A causa delle precarie condizioni di salute, Genitore e Genitrice si sono trasferiti (con badante al seguito) nel Buen Retiro che, a questo punto, risulta veramente mooolto affollato. La migrazione è stata operazione lunga e complessa: ben 2 macchine (di Dolcezze e Sorella), più ambulanza con portantini per trasportare da casa alle automobili Genitore e Genitrice. E fin qui tutto drammaticamente “regolare”. 

La cosa divertente è la premessa: già sabato l’Amato Bene aveva trasportato i pacchi più ingombranti, corredo del Genitore, quindi Dolcezze si aspettava solo un paio di borsoni e invece…quando arriva nel pomeriggio, trova preparati nell’ingresso:

2 trolley

1 borsone

1 valigia

1 beauty case

2 buste di frutta e verdura e 8 uova (“se no si perdono”)

8 buste di latte (“scadono al agosto”)

borsa frigo piena di braciole alla messinese

rialzo per wc

busta con abiti e scarpe della badante

sedia a rotelle

coppia di stampelle

(e certamente qualcos’altro che in questo momento sfugge).

Alla vista di cotanto armamentario, degno di Brancaleone alle Crociate, Dolcezze scoppia a ridere:

“Ma scusa, Genitrice, cosa ti stai portando?”

“Il minimo indispensabile. Tra l’altro un trolley è pieno di medicine”

Con due macchine (e 6 passeggeri) caricare il tutto ha richiesto sforzi titanici e un’enorme abilità per creare un tetris perfetto. Per intenderci…mancava solo la gabbia del canarino (meno male che il canarino non c’è, se no pure quello!)

Si arriva al Buen Retiro nottetempo e frastornati.

“Ascolta, Genitrice: siamo stanchi. Andiamo a letto e se ne parla domani mattina.”

 “Sì, certo, tranquilla”.

Ma mentre Dolcezze e truppe cenano…strani rumori…

“Ma, Genitrice, che succede?!?”

“Abbiamo fatto tutto

E Dolcezze scopre la rivoluzione nel proprio armadio.



Oggi:

“Per favore, Stella, mi porgi la lacca? E la borsina della manicure? E il profumo? “

…e la crema, il borotalco, il pettine, la spazzola, la vestaglia, gli asciugamani, la giacca, la cerata … mancano solo la cucina economica e il frigorifero.

Quanto detto a dimostrare che il minimo indispensabile è estremamente soggettivo...




5 commenti:

  1. Buone vacanze!!!
    Prevedo un ricovero in massa alla neuro.
    Ovviamente l'Amato Bene si terrà alla larga....

    RispondiElimina
  2. Capisco. Non accettano ragioni i Genitori in età, dicono sì alle richieste dei figli, ma fanno di testa loro. Buon ritiro! :-)

    RispondiElimina
  3. Credo che, alla fine di questa esperienza, sarai costretta a cambiare nome alla tua casetta di villeggiatura. Altro che retiro! E tantomeno bueno... :))) Ma sicuramente i tuoi bagagli saranno pieni di tanta, taaaaaaaaanta pazienza, vero cara?

    RispondiElimina
  4. @ Solsido: esatto. Ha già comunicato improrogaaabili impegni di lavoro
    @Angie e Mel:grazie della solidarietà
    @ Rosa:infatti...BAULI di pazienza! Ma preferisco averli sott'occhio

    RispondiElimina