domenica 2 luglio 2017

Delle cronache di Villa Arzilla 19

E' da un po' che Dolcezze non parla di Villa Arzilla. Il "cedimento" generale, seguito alla dipartita di Zia 1 , ha tolto ogni voglia di scherzare. Insieme a Zio 2, stazionario, anche la Genitrice ha suscitato non poche ansie, raddoppiate dal Genitore che letteralmente vive simbioticamente con lei. Il tutto in periodo di esami, con stress a mille da parte di tutti e con i superpoteri di Wonder Woman notevolmente incrinati. 
Adesso che la situazione della Genitrice si è stabilizzata e che metà degli esami sono fatti, Dolcezze, però, non può non proporvi qualche chicca.


Genitrice è in ospedale, abbastanza malconcia. Aspetta la visita del medico e si rivolge a Dolcezze: 
"Per favore, mi passi il beauty case?" 
"A che ti serve?" 
"Ho bisogno del pettine, mi devo dare una sistemata. Ah, anche il rossetto e il profumo" 
"Ma che devi fare? " 
"Una signora dev'essere sempre in ordine! Non vorrai che il medico mi trovi spettinata e senza rossetto! Una signora è una signora, sempre e comunque. Ricordatelo sempre, anche quando io non ci sarò più".

E Dolcezze che, stremata da giorni di ansia e dall'andirivieni casa/casa Genitore/ospedale/scuola, ricorda a malapena di pettinarsi e di mangiare, va a prendere anche il suo di rossetto e si dà una sistemata. 

Perché una madre è sempre una madre e dà insegnamenti sempre e comunque.

10 commenti:

  1. La tua mamma ha ragione cara Dolcezze, è molto facile dimenticarci di noi stesse quando siamo impegnate ad assistere i nostri cari...parola di "caregiver h 24" ! Un abbraccione
    Carmen

    RispondiElimina
  2. W la mamma!!!!!! e w i tuoi racconti strepitosi di villa arzilla. Sai che quando li leggo, li vivo anche io questi momenti. La tua scrittura creativa-realista ha raggiunto l'obiettivo, con me!!! :)

    RispondiElimina
  3. Spesso il tempo è tiranno e ci trascuriamo un po' troppo, ma la tua mamma, con la sua saggezza, insegna che basta poco, veramente poco, per essere una signora. Un abbraccio a te e alla tua bella mamma.

    RispondiElimina
  4. Tua madre ha ragione ma mia zia ha superato il limite.
    Si è presentata tutta truccata per un intervento di isterectomia.
    Quando il chirurgo l'ha vista l'ha rimandata indietro a struccarsi

    RispondiElimina
  5. Vedi, persone come Genitrice, le ammiro profondamente. Il rispetto di sé e degli altri come imperativo. Anche in situazioni non piacevoli.

    RispondiElimina
  6. Io ammiro soprattutto te, che nonostante tutto sei ancora viva

    RispondiElimina
  7. @ Carmen:Ecco, in questo periodo io onestamente di me non mi ricordo proprio...
    @ Angela: per me è un modo di esorcizzare le ansie e le paure, ma se riesco a far sorridere...ben venga!
    @ Adriana: Lei non è mai stata vanitosa in senso stretto (non si è mai truccata, ad esempio), né ha mai vestito in maniera men che sobria, ma ai capelli in ordine e al rossetto non ha mai rinunciato. Un modello, sicuramente.
    @ Solsido: Questa poi!
    @ Mel: infatti: la lezione è questa
    @ Murasaki: a dire la verità io mio chiedo se sono ancora viva o se è il mio spirito che continua a vagare in queste lande, visto che non può assolutamente mollare...

    RispondiElimina
  8. Troppo forte la tua mamma!

    RispondiElimina
  9. Il tuo spirito viaggia in terre d'ombra che spesso cerchiamo di rimuovere, ma è vivo e lotta insieme a noi! Che in questo momento tu tenda a dimenticarti di te mi sembra normale, ma tutte queste donne fanno parte del tuo lignaggio e dunque sono te, quindi quando le assisti ti stai anche occupando di te. Ci vuole molta forza per quello che stai facendo, ma a me sembra che tu di firza ne stia trovando molta. Certo che è proprio dura!

    RispondiElimina