venerdì 23 dicembre 2016

Di auguri scomodi



"Tanti auguri scomodi, miei cari fratelli!

Gesù che nasce per amore vi dia la nausea di una vita egoista, assurda, senza spinte verticali e vi conceda di inventarvi una vita carica di donazione, di preghiera, di silenzio, di coraggio.

Il Bambino che dorme sulla paglia vi tolga il sonno e faccia sentire il guanciale del vostro letto duro come un macigno, finché non avrete dato ospitalità a uno sfrattato, a un marocchino, a un povero di passaggio.

Dio che diventa uomo vi faccia sentire dei vermi ogni volta che la vostra carriera diventa idolo della vostra vita, il sorpasso il progetto dei vostri giorni, la schiena del prossimo strumento delle vostre scalate.
 
Maria, che trova solo nello sterco degli animali la culla dove deporre con tenerezza il frutto del suo grembo, vi costringa con i suoi occhi feriti a sospendere lo struggimento di tutte le nenie natalizie, finché la vostra coscienza ipocrita accetterà che il bidone della spazzatura, l’inceneritore di una clinica diventino tomba senza croce di una vita soppressa.

Giuseppe, che nell’affronto di mille porte chiuse è il simbolo di tutte le delusioni paterne, disturbi le sbornie dei vostri cenoni, rimproveri i tepori delle vostre tombolate, provochi corti circuiti allo spreco delle vostre luminarie, fino a quando non vi lascerete mettere in crisi dalla sofferenza di tanti genitori che versano lacrime segrete per i loro figli senza fortuna, senza salute, senza lavoro.

Gli angeli che annunciano la pace portino ancora guerra alla vostra sonnolenta tranquillità incapace di vedere che poco più lontano di una spanna, con l’aggravante del vostro complice silenzio, si consumano ingiustizie, si sfratta la gente, si fabbricano armi, si militarizza la terra degli umili, si condannano popoli allo sterminio della fame.

I poveri che accorrono alla grotta, mentre i potenti tramano nell’oscurità e la città dorme nell’indifferenza, vi facciano capire che, se anche voi volete vedere “una gran luce” dovete partire dagli ultimi...



I pastori che vegliano nella notte, “facendo la guardia al gregge”, e scrutano l’aurora, vi diano il senso della storia, l’ebbrezza delle attese, il gaudio dell’abbandono in Dio. E vi ispirino il desiderio profondo di vivere poveri che è poi l’unico modo per morire ricchi.

Buon Natale! Sul nostro vecchio mondo che muore, nasca la speranza."

+ Tonino Bello


...e con questi auguri, certamente non convenzionali, mi rivolgo a tutti voi che passate di qua in questo Natale. 
La Luce vera ci illumini e ci ricolmi di pace.

15 commenti:

  1. Contraccambio di cuore gli auguri e te e famiglia. Buon Natale nella pace del Signore

    RispondiElimina
  2. Don Tonino Bello riesce a colpire con precisione i mali della nostra quotidianità.Io sto cercando,attraverso la mia sofferenza,a guardare oltre....
    Buon Natale con un po' di egoismo in meno

    RispondiElimina
  3. Ma che senso avrebbe il Natale se non facessimo ciò che Don Tonino ci dice con le sue sferzanti, crude, ma sincere e veritiere parole?
    Sì, mi piacciono i suoi e tuoi auguri scomodi e li accetto con piacere.
    Tanti auguri scomodi anche a te e alla tua famiglia.
    Un grande abbraccio,
    Rosa

    RispondiElimina
  4. Sì, sento anch'io forte la contraddizione del festeggiare il Natale nell'oblio delle sofferenze e ingiustizie che ci circondano, vicino e lontano. Questi sono auguri bellissimi. Personalmente cerco proprio di accogliere il ricordo di questa nascita come momento bello da celebrare con gli affetti ma anche come spinta a vivere per il resto dell'anno col cuore aperto e l'attenzione a "ciò che conta", sperando sempre di riuscirci.
    Tanti auguri a te e ai tuoi cari.

    RispondiElimina
  5. Buon Natale e luce sia sul Nuovo Mondo che nasce! Auguri anche a te!

    RispondiElimina
  6. Tanti carissimi auguri anche a te Dolcezze.
    Auguri profondi che fanno riflettere. Grazie!
    Un abbraccio
    Maria

    RispondiElimina
  7. ..che bellissimi auguri! Dovremmo ricordarle più spesso queste...verità! Buon Natale e buona vita, per te....per tutti!

    RispondiElimina
  8. Auguri non convenzionali ma molto belli. Non ho mai attribuito un significato particolare al Natale se non come festa astronomica, ma questi sono i principi in base ai quali dovremmo cercare di vivere tutto l'anno per dormire poi sonni tranquilli.
    Grazie di averli postati.
    (E auguri, naturalmente)

    RispondiElimina
  9. davvero non convenzionali i tuoi auguri, certo che fanno davvero riflettere.
    Grazie per averli condivisi!
    Un abbraccio grande e buone Feste!

    RispondiElimina
  10. Leggo spesso il suo blog, ma non commento mai. Lo faccio ora perchè, pur apprezzando il senso del messaggio, ho trovato fuori luogo la frase "finché la vostra coscienza ipocrita accetterà che il bidone della spazzatura, l’inceneritore di una clinica diventino tomba senza croce di una vita soppressa". Mi sembra un augurio sprezzante dello strazio di tutte le donne che hanno dovuto scegliere di abortire, o di quelle che hanno perso una gravidanza desiderata. La croce di quelle tombe è nel cuore di quelle donne e delle persone che le amano. Infierire mi sembra solo una mancanza di carità. (non ho un account wordpress, mi chiamo Maria Cleide)

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Non credo che ci fosse disprezzo per chi abortisce , per dolorosa scelta o per altrettanto doloroso "caso". Il riferimento è all'aborto utilizzato come metodo di regolazione delle nascite (tra l'altro a discapito della dignità della donna e della sua salute), al non riconoscimento dell'unicità di ogni vita, a partire dal concepimento, all'utilizzo dell'aborto per fini eugenetici. Come vedi il discorso è più ampio. Nessuno si sognerebbe di esprimere giudizi su chi "subisce" un aborto (ne ho parlato qualche post fa, commentando il libro della Sparago Nessuno sa di noi), tanto meno don Tonino Bello.
      Grazie del tuo intervento...e complimenti per il nome!

      Elimina
  11. È il nome di una delle mie nonne, nata alla fine del secolo scorso... ma che emozione al ginnasio scoprire che lo condividevo con la bambina di Saffo!

    RispondiElimina
    Risposte
    1. E' un nome bellissimo, molto importante anche per me. Se vai a qualche post fa, trovi proprio la citazione dei versi di Saffo.

      Elimina