venerdì 23 settembre 2016

Dei libri dell'anno 48 : Nessuno sa di noi

Al libro che propongo oggi per il venerdì del libro occorre avvicinarsi in punta di piedi, perché è una lettura non facile.



Pietro e Luce,una coppia in attesa del primo figlio, tanto desiderato, scoprono che è affetto da una gravissima patologia e si trovano davanti alla scelta più difficile: decidere se portare comunque a termine la gravidanza, mettendo al mondo un bambino destinato a soffrire molto prima della fine, o ricorrere all'aborto terapeutico, laddove è consentito anche oltre i termini prescritti in Italia. Luce è quasi trascinata dagli eventi ed è incapace di opporsi ad una volontà che non le lascia spazio, ma poi, quando tutto è compiuto, si trova totalmente svuotata, morta. Inutili i tentativi di farle riprendere la sua vita. Tutto è fermo, chiuso come la stanza del bambino, coi mobili ancora impacchettati e il calendario fermo a Dicembre.
Il lettore vive con Luce il suo dolore, la sua angoscia, il suo male di vivere, anche grazie ad uno stile freddo e distaccato, che quasi fa provare il gelo dell'anima di questa madre non madre. Come lei noi non comprendiamo i sentimenti di Pietro, con lei sopportiamo il peso di giornate senza senso e ci accostiamo, attraverso il forum che lei frequenta, al dramma di tante madri mancate, che hanno scelto (o subito) il dolore lacerante dell'aborto.

Il libro propone tante domande , ma non offre risposte: è lecito impedire ad un bambino di nascere? Chi può dire cos'è o cosa non è vita? Fino a che punto la scienza può arrivare? Cosa è consentito e cosa no? Ma, soprattutto, come si può superare un dolore così grande, anche quando la scelta è apparentemente obbligata?
L'aborto è una lacerazione grandissima per una donna, anche quando non è voluto e il dolore di Luce è il dolore di ogni madre che ha vissuto la perdita di un figlio non nato. Per questo la accompagniamo nel suo difficile cammino di rinascita e attraversiamo con lei tutte le tappe dell'elaborazione del suo lutto, fino alla lenta rinascita, che apre alla speranza.

Confesso di aver cominciato la lettura prevenuta: l'Amica Lettrice, da sempre mio referente privilegiato, non me ne aveva parlato bene e io non ero rimasta particolarmente colpita da "Se chiudo gli occhi", libro della stessa autrice letto quest'inverno...e invece la storia mi ha preso e coinvolto. 

Certo non è una lettura facile, specie per chi ha ferite ancora aperte, ma è un ottimo punto di partenza per una riflessione più ampia, senza facili giudizi e pregiudizi, perché dinanzi a questi drammi bisogna solo inchinarsi e tacere. 

5 commenti:

  1. Un libro impegnato... però interessante

    RispondiElimina
  2. una lettura impegnativa che tratta temi difficili e fa nascere domande che non hanno una risposta.

    RispondiElimina
  3. Ho letto il romanzo qualche tempo fa e mi ha lasciato un po' perplessa.
    Proprio lo stile distaccato che tu hai apprezzato e condiviso a me ha tolto l'emozione della lettura perché,a mio avviso,mancava pathos.
    Il momento dell'aborto poi,come ho scritto su ibs,è una vera e propria esecuzione.
    E mi ha rimandato alla mia personale esperienza in cui noi,mio marito e io,abbiamo aspettato che il cuoricino del nostro bambino,un embrione di poche settimane già condannato a morire,smettesse di battere perché , per scelta,non avremmo mai interrotto la gravidanza.
    Non si può esprimere giudizi ma il romanzo pone una domanda essenziale:quale vita è giusto accogliere e quale è meglio rifiutare?
    Io sospendo il giudizio ma il dolore per la perdita di un figlio mai nato ti fa sentire portatrice di morte e non di vita.

    RispondiElimina
  4. Non credo che riuscire a reggerne la lettura. Non con il percorso che sto facendo. Però penso che sia un bene un libro che affronta questo tema, troppo spesso taciuto quasi con vergogna.

    RispondiElimina
  5. La lettura è veramente impegnativa e tocca corde dolorose, soprattutto per chi ha condiviso, anche solo in parte l'esperienza.
    E la domanda di Solsido è quella che riecheggia anche nella mia mente.

    RispondiElimina