venerdì 5 agosto 2016

Di esperienze di viaggio






La famiglia Dolcezze AL COMPLETO è partita per le vacanze itineranti. Per fare ciò si sono dovute realizzare complesse e particolari congiunture astrali: la data delle ferie dell’Amato Bene appresa con due mesi d’anticipo (evento unico in 21 anni, in cui la suddetta notizia giungeva 3 giorni prima), gli esami completati dell’Erede, il rientro della Stella dalla Scozia e condizioni di Villa Arzilla stazionarie (notate che non si dice nulla di Dolcezze e del Cucciolo, sempre con la valigia pronta). No, non vi preoccupate, nessun resoconto fotografico (la qualità delle foto di Dolcezze è nota) e neanche una cronaca…ma giusto qualche esperienza.
-In una bellissima città del Nord, famosa per i suoi meravigliosi mosaici, Dolcezze e tribù, dopo aver posteggiato, si guardano intorno per avere informazioni, quando vengono letteralmente travolti da un gruppo di ragazzi. Dolcezze cerca di abbordarne uno, ma viene ignorata (con grande detrimento della sua autostima): il ragazzo le guardava attraverso e non la vedeva neanche. Mentre lei si interrogava sulla scarsa urbanità degli indigeni, un urlo la fa sobbalzare: “E’ qui! E’ Squirtle!”. L’Erede: “Stanno cacciando Pokemon” e così Dolcezze viene edotta sul nuovo sport nazionale, evoluzione virtuale delle bellissime cacce al tesoro della sua giovinezza. 
No comment.
-In una ridente cittadina al centro della Penisola, luogo simbolo della pace e della convivenza fra culture diverse, per accedere alle Basiliche principali occorre svuotare le borse davanti a due o tre soldati col mitra spianato e passare sotto il metal detector: contraddizione in termini, ossimoro. Comprensibile a San Pietro, inconcepibile lì. E per la prima volta Dolcezze tocca con mano la paura del terrorismo.
-In un punto che non saprebbe citare dell’Italia meridionale, Dolcezze vuole fare una tappa per prendere un caffè. L’Amato Bene condivide e imbocca la deviazione per l’autogrill …e a questo punto…vagano per 10 chilometri in mezzo al nulla, prima di arrivare in una stazione di servizio quasi fantasma, per poi fare altri 10 chilometri di ritorno per immettersi nuovamente nell’autostrada: il caffè più caro e più lungo della storia.
-In un lunghiiiissimo viaggio di ritorno (il prezzo che si paga nel vivere in una terra bellissima, ma oggettivamente ai confini dell’Impero), Dolcezze, finalmente, apprezza il kindle, regalo natalizio delle truppe. Finora lo aveva guardato con interesse, ma anche con una certa sufficienza (vuoi mettere la bellezza, la fisicità di un libro cartaceo?). Eppure in macchina non era mai riuscita a leggere, perché le partiva immediata la nausea. Stavolta, invece, complice anche il bellissimo libro in lettura (Il baco da seta di R. Galbraith) Dolcezze per tutto il percorso autostradale, si è estraniata dai “Quando arriviamo?” del Cucciolo, dalle canzoni della Stella, dai brontolii dell’Erede, dai commenti dell’Amato Bene sulla guida spericolata dei Tir. Ha smesso soltanto all’imbarco dei traghetti, quando è arrivata all’ultima pagina, felice e soddisfatta di questo secondo romanzo e gongolando sapendo di avere già comprato il terzo.

Con questo consiglio di lettura Dolcezze ritorna al venerdì del libro, ma rimanda alla bellissima recensione di Murasaki, alla quale non saprebbe proprio cosa aggiungere.

4 commenti:

  1. Troppo onore, davvero, e bentornata ^__^
    Ma insomma, mi confermi che la storia delle cacce ai Pokemon non è una leggenda metropolitana o un esagerazione inventata dai social?
    Vabbe', il mondo è di tutti.

    RispondiElimina
  2. Non ho conosciuto nemmeno uno scettico da e-reader che non si sia convertito in viaggio/vacanza... Ché poi un e-reader vero è molto più simile a un libro che a un tablet.

    RispondiElimina
  3. Io ricordo il mitra spianato contro di me,a Palermo,davanti alla casa del giudice Falcone.
    Da allora non mi meraviglio più fi niente.
    Capisco i l tuo turbamento ma ti assicuro che pensare che c'è gente che vive ogni giorno con la paura di saltare in aria mu fa accettare di buon grado queste orribili precauzioni.
    Sui Pokemon stendo un velo pietoso,il kindle in spiaggia è insuperabile,specie per una vanitosa come me che può leggere senza occhiali approfittando dei caratteri per ipovedenti.
    Buone vacanze indigene

    RispondiElimina
  4. @ Murasaki: per carità, dovere!;-) Sì, la caccia ai Pokemon esiste davvero. Per dire...in questo momento l'Erede è in giro coi suoi amici per questo...
    @ la povna: infatti, conversione piena e totale
    @ Solsido: so bene che tutto è per la sicurezza, ma è inquietante pensare che i luoghi di culto siano "obiettivi sensibili". Sul kindle concordo in pieno

    RispondiElimina