martedì 11 marzo 2014

Delle iniezioni (ovvero Della vendetta dell'Amato Bene)


immagine dal web


Dolcezze sta male. Deve fare le punture. Bene… Dolcezze fa iniezioni a tutti, ma chi le fa a Dolcezze? Da mamma non può andare perché non deve muoversi, la suocera non riesce più, la vicina è partita…che fare? L’Amato Bene si offre, pregustando, dice, sottili vendette.
Si comincia. 

I giorno 

Dolcezze dà lezioni, approfittando dell’amabile gluteo dell’Erede. L’A.B. comincia a strofinare. 1 2 3 4 5 6 7 8 9 10 secondi… Poi 
“Non ti preoccupare, Dolcezze, stai tranquilla,…non ti faccio male…”
“Non sono preoccupata… smuoviti” 
Pausa. Dolcezze si illude.
“Già fatto? “
”No, ora buco”.   
Dolcezze sente l’ago entrare con tutta la lentezza e il dolore possibile.  
 “Aspira, mi raccomando”. 
1 2 3 4 5 6 7 8 9 …
”Hai fatto?”
“No, ora inietto” 
1 2 3 4 5 6 7 8 9…
“Ancora?” 
“Ora tiro fuori…” 
E ancora sento l’ago percorrere LENTAMENTE il percorso contrario. Dopo 5 minuti buoni finalmente abbiamo finito. L’Amato Bene è in stato semicomatoso da stress. 
“Non hai detto neanche ahi, sono proprio bravo!"
“Se avessi emesso un gemito sarei sicuramente rimasta con l’ago dentro”.   

II giorno

"Amato Bene, dobbiamo fare la puntura"
"Ehm, sì...arrivo"
"BRAVISSIMO! Non ho sentito niente"
Rincuorato e gongolante: "Lo sai che dove mi metto riesco!"
"Modesto!"

III giorno

"Amato Bene, il medico ha detto che dobbiamo cambiare tipo di iniezioni"
"E allora?"
"Beh..."
"Non vorrai dirmi che non te le puoi fare da sola!"
"Effettivamente non so se ho il coraggio di sforacchiarmi da me!"
"E dovrei farle io?"
"Ma guarda che sono più semplici delle altre, non devi neanche aspirare..."
" Ma tu lo sai che mi potrebbero denunciare per esercizio abusivo della professione medica?"
"Semmai infermieristica!"
"..."
"Coraggio,non è niente"

Un uomo sudato e tremante si è avvicinato a Dolcezze e l'ha sforacchiata senza pietà. Poi è stramazzato sul letto. 
"Mi stai togliendo trent'anni di vita"
Praticamente è l'unico caso in cui la vittima deve recare conforto e cure al carnefice.

E ne abbiamo per un mese!

3 commenti:

  1. Ottavo mese di gravidanza,distacco di placenta con vasta emorragia in corso.Mio marito mi porta all'ospedale fermandosi diligentemente a tutti i semafori,arriva al pronto soccorso e,udite udite,parcheggiaaaa la macchina.Sono andata da sola,tutta insanguinata.
    Ma secondo te,è banale ma veritiero,perché il buon Dio ha affidato alle donne il compito di partorire?

    RispondiElimina
    Risposte
    1. Qui il problema è che il poverino è troppo preoccupato e tutte queste novità lo turbano...
      Sul fatto che noi donne siamo più forti...sfondi una porta aperta

      Elimina
  2. E noi continuiamo a giustificarli...

    RispondiElimina